Crea sito
Press "Enter" to skip to content

La Bibbia non è un mito: NUOVA EDIZIONE!

04_independence_day_blurayCari lettori affezionati del mio Blog, sono lieto di comunicarvi che il mio ultimo libro La Bibbia non è un mito – gli speculatori ci raccontano un’altra storia, è giunto alla sua prima edizione ufficiale! Questa volta avrò il piacere e l’onore di essere accompagnato dalla Casa editrice La Petra Angolare, gestita dal saggista e best-seller italiano Marco Distort.

In questa nuova edizione, si propone quanto segue:

  • Una nuova copertina: lineare e meno “caotica” della precedente. Ho voluto mantenere comunque l’immagine di Apkallu (divinità mesopotamica con testa di falco), per non allontanarmi dal soggetto che avevo scelto per la vecchia copertina. La copertina presenterà delle “alette” con una piccola biografia del sottoscritto e l’elenco bibliografico delle mie pubblicazioni;
  • Revisione e “miglioramento” generale del testo, più scorrevole nella lettura, quindi più comprensibile;
  • Alcuni dati trascurabili sono stati omessi perché appensantivano il testo, altri più importanti sono stati migliorati nella forma;
  • Nel capitolo “Yhwh e i sacrifici umani” ho integrato un paragrafo che non potevo trascurare;
  • Bibliografia aggiornata;
  • La revisione globale del testo ha comportato l’aumento del numero delle pagine complessive, da 372 a 384.

Il libro sarà disponibile a partire dal 30 Settembre 2016, verrà distribuito dai principali negozi online come Amazon e dai punti vendita CLC nazionali (Svizzera compresa). La prima stampa è prevista per fine settembre; se vuoi prenotare la tua copia, scrivi a [email protected]disponibile sul sito CLC Italy

La Casa editrice La Pietra Angolare, presenterà questa nuova edizione 2016 del mio libro in occasione di un convegno di tre giorni che si terrà a Chianciano Terme, dal 30 Settembre al 2 Ottobre 2016. Il tema del convegno è “Capire l’Apocalisse”, dove si affronteranno quelle tematiche che riguardano l’ultimo libro della Bibbia, l’Apocalisse di Giovanni.

Gli oratori del convegno saranno:

  • Roberto Mazzeschi (Presdente Alleanza Evangelica Italiana);
  • Marco Distort (Insegnante e Scrittore);
  • Fernando De Angelis (ex Insegnante e Scrittore)

Inoltre, il convegno verrà interamente registrato dall’emittente televisiva Ekklesia TV Italia. Sarò presente al convegno, per cui, qualora si volessero scambiare quattro chiacchiere con il sottoscritto riguardo al mio libro, sono a vostra disposizione!

Come iscriversi al convegno

Chi volesse partecipare al convegno (con la possibilità di pernottamento in albergo 3 stelle), si iscriva al più presto perché i posto sono limitati. Contattare il referente Vincenzo Cucchiara, ai seguenti recapiti:

  • Email: [email protected]
  • Tel: 328.022.0510

la bibbia non è un mitoDettagli del prodotto

Edizione: Settembre 2016
Editore: La Pietra Angolare
Lingua: Italiano, Inglese, Ebraico e Greco biblico
Pagine: 384

8 Comments

  1. Emanuela
    Emanuela 13/12/2016

    Su amazon non risulta disponibile dove posso trovarlo on line? grazie

  2. Riccardo
    Riccardo 31/01/2016

    Insomma per sapere come la pensi tu dobbiamo comprare il libro? Perché come Biglino non registri un bel discorsetto (gratis) e ce lo spieghi? Scusa ma da neutrale, per adesso Biglino è in vantaggio su te 3 a 0….
    Datti da fare

    • Daniele Salamone
      Daniele Salamone 01/02/2016

      Ma io con Biglino non sto facendo nessuna gara né siamo in competizione, anzi forse non sa manco che esisto. Ha rifiutato un confronto con me ma si sarà già dimenticato.
      Se vuoi sapere come la penso, chiedi e ti risponderò.
      Purtroppo non faccio conferenze, almeno per il momento, e comunque Biglino non fa conferenze gratis, ma ci guadagna con l’incasso degli aderenti.
      Dire che Biglino registra discorsetti gratis lo dici tu, perché quelli che registra Biglino con Uno Editori durano un paio di minti al massimo. Le conferenze non le registra lui, le registrano altri che a loro volta condividono gratis. Ma Biglino non fa nulla gratis e come dicevo poc’anzi, quando partecipi ad una conferenza sua e paghi l’ingreso, metà se non quasi tutto l’incasso va a lui.

      Io mi do da fare, ma a modo mio, non come dicono gli altri. Oltre che libero pensatore, vorrei essere lasciato libero di fare come credo.

      • bpaguro
        bpaguro 03/12/2016

        Una cosa oltre alla Bibbia legata al codice masoretico,potresti fare un’analisi sulla Bibbia Kolbrin(la bibbia Egizia scritta nel 16 secolo A.C.,che è più antica di tutte le altre,compreso il Tanak)
        Nel caso ti interessi per trovarla online basta scrivere: La Bibbia Di Kolbrin Versione Italiana Tradotta Con Google.

  3. giu
    giu 12/12/2015

    io non ho capito una cosa: nell’altro articolo di dice che elohim sono i sacerdoti che in pratica avevano contravvenuto a regole del proprio ministero, che poi ha portato mosè a mettere nero su bianco che tali soggetti non potevano sposare donne particolari, ammiccanti, sfruttando la loro posizione privilegiata; yhawue è antecedente agli elohim, quindi, unico vero dio. Qua si dice che elohim è plurale, ma che vuol dire Dio, e non sacerdoti, e gli altri elohim erano idoli di pietra che il primo ripudiava. Questa seconda costruzione mi pare particolarmente conferente, non meno della prima. Infatti è una obiezione mossa da me a B., nonostante fossi totalmente ignorante e non avessi mai letto la bibbia per intero. Anche la prima costruzione mi pare buona. Ma a questo punto dobbiamo concludere che elohim significa cose diverse?

    • Daniele Salamone
      Daniele Salamone 12/12/2015

      Gentile Giulio., benvenuto. C’è una netta differenza fra “Elohìm” e “flgli di Elohìm”. Anche fra credendi ci si definisce “figli di Dio”, ma bisogna capire in cosa consiste esserlo, cioé essere déi? Non credo proprio. Forse non ha fatto caso a questo piccolo dettaglio. Non mi pare di aver detto in questo articolo che Elohìm “non significa sacerdoti”, semmai nel mio libro di cui parlo in questo articolo puntualizzo e spiego in maniera ultra dettagliata il perché Elohìm non significa “giudici”.
      Non conosco le sue obiezioni mosse a Biglino, ma mi farebbe piacere conoscerle e confontarle se le fa piacere =)

      Elohìm può essere tradotto “anche” con “angeli”, cioé, può essere usato come sinonimo di “mal’ak” (messaggero, emissario).

      Ritornando all’altro articolo, spiego il perché viene usato “elohìm” per i sacerdoti. Non mi pare di aver detto che Elohìm vada tradotto con “sacerdoti”, ma ho puntualizzato, credo abbastanza chiaramene, che il titolo “elohìm” veniva usato dai sacerdoti, ma NON che significasse “sacerdoti”. Esiste un termine specifico per “sacerdote” ed è “kohen”, e i sacerdoti si facevano chiamare “elohìm”, proprio come spiega il passo del Nuovo Testamento citato nell’altro articolo in stretto riferimento al Salmo 82.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*